Recensione: Check, Please! - Ngozi Uzaku | Comic Strip #01

Buon pomeriggio, lettori!

Oggi vi porto qualcosa di diverso dal solito, perchè cosa c'è di meglio di una ventata d'aria fresca per riprendere in mano le redini del blog?

In varie occasioni (ok, tipo 3) vi avevo già parlato di fumetti e penso che potrei continuare a parlarvene di tanto in tanto. Ho deciso di inaugurare l'ennesima rubrica, a cadenza casuale (perchè, diciamocelo, la puntualità non è il mio forte) con la quale voglio parlarvi di fumetti, web comics e graphic novels. Insomma, tutto ciò che viene in formato parole e illustrazioni! Per questo primo appuntamento con Comic Strip vi porto uno web-comic che ho scoperto girovagando su internet e che mi ha stregato!

Si tratta di Check, Please! scritta e disegnata da Ngozi Uzaku. L'autrice descrive il suo webcomic come "una storia sull'hockey, l'amicizia e su come trovare se stessi durante i 4 anni migliori della vita di ciascuna persona". Potete leggerlo gratuitamente a questo link, ma purtroppo non c'è in italiano. L'inglese è semplice e scorrevole, comunque, quindi non credo ci siano problemi!
La storia è accompagnata da tanti extra (addirittura un account twitter per il protagonista!) e iniziative che potete trovare sul Tumblr dell'autrice, il che permette di immergersi completamente nell'atmosfera di Check, Please! Se come me siete pigri, qualcuno ha messo tutto (storia, extra e tweets) in ordine cronologico a questo link!

Check, Please! segue la storia di Eric Bittle, detto Bitty, un ragazzo della Georgia ex campione di pattinaggio sul ghiaccio e ora membro di una squadra di hockey. All'inizio uno sport violento come quello non sembrava essere il suo forte e sembrava preferire il suo vlog e le sue torte al puck, ma ci ricrederemo ben presto!


Il webcomic si apre sul primo anno di Bitty alla Samwell University, in Massachusetts, dove si unisce alla squadra di hockey sul ghiaccio e fa conoscenza dei suoi singolari compagni di squadra. Ognuno è caratterizzato in modo fantastico, non si può fare a meno che apprezzarli tutti ed affezionarsi. Mi è piaciuta molto la presenza di personaggi non bianchi, che troppo spesso la fanno da padrone in film, fumetti e quant'altro. Whitewashing, questo (s)conosciuto!


Le vicende sono per la maggior parte narrate dal punto di vista di Bitty, che parla alla videocamera per il suo vlog, ma con l'avanzare della storia avremmo anche altri punti di vista, con sguardi sul passato degli altri e divertenti intermezzi e storie extra. Uno dei miei preferiti è "Hockey Shit", un must per i profani di hockey come me. Ransom & Holster, che altro non sono due personaggi del webcomic, si assumono il compito di spiegare le cose più svariate riguardanti l'hockey, con un piglio divertente che a volte sfiora il nonsense.
Su uno sfondo molto piacevole e divertente, è un webcomic che va a toccare temi importanti. Se affetto e amicizia sono centrali, leggiamo anche di tradimenti e fiducia mancata, di stereotipi e discriminazione. L'autrice gioca molto con il lettore, portandolo a rendersi conto dei propri preconcetti. Introduce vari personaggi solo attraverso le parole degli altri così che quando appaiono sulla scena, completamente diversi da ciò che ci si aspettava, ci si rende conto che si stava solo perpetrando lo stereotipo. Importante è anche il tema dell'omofobia, in generale e nel mondo dello sport: la paura, il bisogno di nascondersi che viene accettato quasi come normale. Vedremo alcuni dei personaggi fare i conti con ciò, affrontando se stessi e le persone che amano, nella paura di perdere ciò a cui tengono, letteralmente incastrati tra Scilla e Cariddi.

È uno webcomic che parte dallo sport ma che non si ferma lì. Finisce per trattare temi seri e mi piace come l'autrice ha deciso di affrontarli. È raro (per me, almeno) trovare uno webcomic che mi tocchi e che mi appassioni seriamente, ma Check, Please! c'è proprio riuscito. Non mi resta che sperare di riuscire ad acquistare un cartaceo di questo fumetto, prima o poi! Intanto l'autrice ha chiuso il secondo KickStarter della sua carriera, quindi chissà.



Vi ho incuriosito?
Perchè non andate a darci un'occhiata? 
E mi raccomando, fatemi sapere cosa ne pensate!

A presto (spero),

Ritorni

Buonasera, lettori!

O buon pomeriggio, immagino. Quanto buono sia, non saprei, ma spero che voi tutti stiate bene e che il terremoto sia stato tanto, tanto lontano da voi.


Ho latitato molto nell'ultimo mese, lo so. Non pensavo che l'università qui mi avrebbe lasciato così poco tempo a me stessa. Non che le lezioni siano pesanti, anzi, tutt'altro. Solo che finisco sempre tardi, e tra lo studio, la tesi e la stanchezza, non tocco il mio ebook da quasi un mese. Va da sè che per me era impossibile aggiornare. Ci sono tante uscite che ho perso e recensioni che non ho scritto e mi viene a male solo a pensarci. Vi rendete conto che ancora non ho letto l'ultimo libro di Half Life?

Ho novembre letteralmente pieno di midterm e presentazioni, ma voglio riuscire a concentrarmi anche sul blog. Scrivere è una cosa che mi piace molto, quindi vorrei riuscire a ritagliare dello spazio per aggiornare.

Spero di portarvi cose nuove e interessnati!

Stay tuned!

Ho veramente appena detto stay tuned? Ho veramente appena detto stay tuned.